Publisher Website!

ALLA MORINI DI RUGGIANO DEL GARGANO LA BEST CONDITION

ALLA MORINI DI RUGGIANO DEL GARGANO LA BEST CONDITION

3ott, 2016

Sotto l’acqua scrosciante in  un contesto naturale di grande impatto, nell’Alta Murgia, in quello che è il Parco Naturale,  con una vegetazione ricca  di fragni, lecci, roverella e un sottobosco in cui primeggiano la  rosa canina, il biancospino e il  pero autoctono,  complice un permeante  odore di origano selvatico  si è svolta a Torre Sansanello, in prossimità del Bosco Ceobuzzo, la I^ tappa del Campionato Regionale di Endurance. Un percorso quello coratino che si snoda  su un anello di circa 28 km(che nella categoria B/Rè stato percorso tre volte) composto  da tratturi di strade bianche  e carreggiate in terra battuta tipiche della zona, con asfalto presente solo su pochissimi tratti per lo più in prossimità degli attraversamenti stradali dove comunque era presente in occasione del concorso l’assistenza delle Guardie Ambientali  di Corato.

Un percorso interessante che potrà  utilizzato anche come itinerario per escursioni in sella.14527603_10207511702373047_518928009_n    14518623_10207511701413023_2079409863_n

Nella categoria Debuttanti  quella di 21 Km, si sono attestati 1° il casertano Amodio Di Nardi,  del C.I. Country Club, in sella a Eldora Al Mali, 2° Pietro Bisceglia, di Terlizzi, tesserato alla Corte dei Vescovi, su Olga di Armena. Punteggio di merito per Cavalieri Non Agonisti Debuttanti 21 Km alla pugliese Elena Capozza, del C.I. Torre D’Agera,   su Cleope e il barese,  Carmine Galasso, della GaspEquites,  con Flay. Fuori gara,  Chiara Colangiuli del Terra degli Ulivi di Ruvo di Puglia,  con Stella.   Nella Categoria CENB/R 81 Km, trasformata in Qualificante per numero di partenti, hanno completato il percorso di 81 km,   Giovanbattista Di Paola, tesserato in Abruzzo presso Santa Croce di Magliano in provincia di Campobasso,  in sella ad Oro Rosso e  Giacomo De Luce, della scuderia di Torre Sansanello, su Mouintassar. Per la  Esordienti cioè la 42 km, si sono classificati il foggiano Antonio Roca, su Jamal, un  incrocio anglo arabo, Eleonora Morini, di Posta Ruggiano del Gargano su Raja,, cui è anche andata la Best Condition, l’abruzzese Massimo Verna su Nefertiti,Roberto Ianigro, del C. I. Montaratro, di Lucera, su St Armani, ha concluso ottimamente  il suo percorso fuori gara  la pugliese Laura Mandrelli,  su Palestina. Poteva andare meglio a Francesco Colombo, tesserato con il C.I. Montaratro di Lucera,   su Alamein del Sangro e ad  Angela Tota del GaspEquites di Torre Sassanello, che pur giocava in casa su Onolue Sa, ma si sa con i cavalli non è mai possibile dare nulla per scontato. Una considerazione che deve a tutti far riflettere quando si danno per certi alcuni dati semmai solo perché un cavaliere un certo percorso può conoscerlo un po più di altri. Riflettere su questo aspetta non guasta!

14568934_10207511700933011_1853735874_n     14569064_10207511697612928_1893894377_n  14555717_10207511694892860_237901756_n  14543447_10207511700372997_2008326911_n-1   14542744_10207511701453024_1592921575_n    14542732_10207511695932886_946419462_n  14518262_10207511701093015_559552749_n  14580470_10207511695652879_471310957_n  14518577_10207511702213043_1744331329_n   14528400_10207511699932986_977427352_n

 

 

Ad organizzare la tappa è stato il C.I. GaspEquites con il fattivo supporto tecnico di Angela Tota, amazzone di endurance anche lei, ma soprattutto infaticabile organizzatrice della manifestazione. “La tappa svoltasi in grande tranquillità non ha fatto emergere problematiche legate allo stato e salute dei cavalli – come ha evidenziato  il presidente della Commissione veterinaria Fise Puglia, nonché veterinaria nella triade operativa, Maria Convertino, presieduta a Corato da Vito Ricci.   Indubbiamente si tratta di una disciplina che in Puglia potrebbe avere grande sviluppo – ha continuato la Convertino –  soprattutto in relazione al clima e agli spazi che consentirebbero il prolungamento  nella nostra Regione delle attività agonistiche per buona parte dell’anno, ad esclusione dei mesi più freddi o del caldo torrido agostano, certo  – ha detto  -un radicamento della disciplina comporta impegno da parte di tutti. Ma ritengo che se si vogliono raggiungere risultati è bene serrare le fila e mettersi al lavoro.”

 

 

 14569781_10207511701613028_1462661134_n  14569161_10207511702013038_1292310367_n  14569724_10207511694452849_342825406_n

Soddisfatta, Giuliana Disegnatore, giudice nazionale,  nonché presidente e delegato tecnico del concorso, che ha sottolineato  – “come sia importante in questo genere di gare tutelare la salute dei cavalli e quella dei cavalieri, con percorsi di gara ben segnalati che soprattutto per le categorie basse, possano consentire ai neofiti di potersi avvicinare a questa disciplina senza traumi, legati ad incidenti o anche percorsi poco segnalati che facilmente possono far perdere i concorrenti, generando anche  panico.”                                               14580469_10207511696772907_397815381_n

“Un lavoro lineare quello che ha contrassegnato il concorso – ha confermato Paolo Torlontano che ha curato la segreteria del Concorso – dove è emerso il desiderio di compattare una disciplina  e riunire tutti quei cavalieri che non aspettano altro che buone  occasioni per poter caricare il proprio cavallo per partecipare a gare di endurance. Il problema infatti per chi pratica l’endurance è proprio quello di riuscire a partecipare a gare qualificanti che consentano di progredire per categorie superiori.”14555871_10207511699652979_1500722866_n

Ed ecco alcuni momenti della premiazione

14528439_10207514914933359_1975523370_n       14551058_10207514918973460_203330024_o    IMG_2410  IMG_2408        IMG_2387     IMG_2385    IMG_2380    IMG_2377          14556019_10207514915413371_1146431055_n