Publisher Website!

IL TEAM SCUDERI SCALA LE COMPUTER LIST

IL TEAM SCUDERI SCALA LE COMPUTER LIST

5mag, 2021

Non uno, non due, ma ben tre sono i ragazzi del Team di Francesco Scuderi, istruttore Fise di II° Livello in sede al Circolo Ippico La Sella di Foggia, ai vertici delle Computer List di salto ostacoli di casa FISE.

Si tratta di Fernando Dell’Osso,10 anni, tanta grinta e già in tasca il I grado con un attivo tra il 2020 e il 2021 di oltre 19 concorsi ippici di salto ostacoli in cui è andato a premio tanto da condurre la Computer List Giovanissimi della Federazione Italiana Sport Equestri. Monta Quik Gold del Sole e Bruvel.

La girl del gruppo è Simona Carretta, I grado,  che con Kaiman Boy il suo  cavallo già da qualche tempo,  è un binomio di eccellenza. Oltre 21 i concorsi ippici disputati con risultati di rilievo e in classifica, che,  nelle 130 le sono valse la seconda posizione della Computer List Categoria Young Riders.

Poi c’è lui, uno dei protagonisti del reality a tema equestre, Campus Master Class,  da poco concluso in cui oltre la bella esperienza vissuta ha messo a segno un secondo posto con tanto di premi, la vittoria al Campionato Italiano Juniores,  si tratta di Francesco Palladino, 20 concorsi disputati in questo biennio complesso che gli valgono la terza posizione nella Computer List nazionale per la Categoria Juniores I grado.  Monta Paullo Z, Flash Sonora e Amour St Jean.

Viene spontanea una domanda? Qual’è la ricetta Francesco per ottenere risultati simili?

La ricetta – mi risponde- con  i suoi modi semplici, che mi sembrano sempre  immutati, rispetto a quando l’avevo conosciuto  alla Ficora, l’allevamento di cavalli italiani,  dove  lavorava sodo, come addestratore , istruttore e uomo di cavalli – è sempre la stessa. Tanto, tanto lavoro e tanta disciplina. Non ci sono scorciatoie – continua – i cavalli hanno bisogno di allenarsi, così come hanno bisogno di allenarsi gli allievi. La differenza tra un adulto ed un ragazzo giovane – è chiaramente – continua  Francesco Scuderi – nella disciplina, nel tipo di lavoro, che deve essere costante, formativo.

Quanto tempo dedicano i tuoi ragazzi, almeno chi pratica l’ago

nismo,  agli allenamenti?

Non meno di tre volte la settimana. E aggiungo non è solo la necessità di movimentare i cavalli, io per questo ci sono sempre e comunque, lì dove mi rendo conto della necessità di un lavoro suppletivo del cavallo. Ma in realtà è fondamentale che i ragazzi comprendano pienamente i cavalli che montano, diventino un tutt’uno e per questo c’è bisogno di tempo  e di lavoro. 

I tuoi allievi Francesco partecipano a diversi concorsi, cosa gli dici prima di scendere in campo?

Ti ringrazio per questa domanda, perché la motivazione è alla base del lavoro che noi istruttori facciamo. Pertanto gli motivo, e gli dico francamente   – ragazzi – siamo arrivati sin qui, adesso non possiamo scherzare! Abbiamo lavorato, se non ci crediamo restiamo a casa. Si esce per montare a cavallo e se è possibile per vincere.

Le nostre giornate – continua Francesco Scuderi – iniziano molto presto e si concludono a sera tardi – contemplano davvero tanti sacrifici, sacrifici che sopportano anche i  genitori  che s’impegnano affinché i propri figli pratichino questo sport – bene- anche verso di loro sento forte un senso di responsabilità. 

Foggia, finora era una provincia leader nell’endurance, il salto ostacoli  non era largamente praticato. C’è sviluppo in tal senso in provincia di Foggia?

In effetti credo che Foggia rispetto a Lecce abbia un ritardo di almeno vent’anni.  Da noi abbiamo grandi spazi, che effettivamente hanno creato le basi per lo sviluppo del turismo equestre e dell’endurance poi. Il salto ostacoli non è stata una disciplina leader. In questo momento c’è grande richiesta per il salto ostacoli e il dressage. Paradossalmente il lookdown  dovuto al Covid ci ha dato una spinta propulsiva per lo sviluppo della disciplina, in parte dovuto al fatto che si tratta di uno sport che si pratica all’aria aperta. 

Bene Francesco, concludiamo  questa bell’intervista e  ci auguriamo di raccontare di nuovi successi!

commenta

commenta